Emergenza cibo: 74 milioni di poveri in Europa


09/06/2008

emergenza cibo: 74 milioni di poveri in europaIn Europa il problema alimentare riguarda potenzialmente più di 74 milioni di cittadini che vivono oggi al di sotto della soglia di povertà. E' quanto è emerso nel corso del Forum Internazionale “Allarme cibo, l'Europa risponde” organizzato da Coldiretti e Studio Ambrosetti a Bruxelles in occasione dell'apertura della Conferenza Fao sull'alimentazione a Roma.
Gli effetti dell'emergenza cibo internazionale si fanno sentire anche in Europa dove, insieme all'aumento dei prezzi dei beni alimentari che sono saliti ad aprile su base annua del 7,1 per cento nell'Unione europea, potrebbe presto cambiare il menu' sulle tavole per lo stop alle forniture di molti prodotti base per l'alimentazione: le principali catene di supermercati inglesi hanno iniziato a razionare le vendite di riso, gli allevatori tedeschi hanno interrotto le consegne di latte alle industrie con effetti anche in Italia che importa il 40 per cento del proprio fabbisogno e dove è già partito lo sciopero del prosciutto che farà mancare Parma, San Daniele e altri prodotti tipici della salumeria dagli scaffali. E questo nonostante il fatto che, secondo l'Eurostat, i prodotti che sono cresciuti di piu' al consumo sono latte e formaggi (14, 9 per cento), e pane e cereali (+10,7 per cento).
Di fronte all'emergenza cibo, l'Europa ha il dovere - sostiene la Coldiretti - di adottare una politica agricola coerente con l'esigenza chiudere le porte alla speculazioni sulla fame in atto e di garantire l'approvvigionamento con una produzione alimentare di qualità al giusto prezzo per imprese e consumatori. Un modello di sviluppo sostenibile, economicamente e socialmente, per rispondere al nuovo quadro di riferimento caratterizzato da un volatilità dei prezzi per effetto dall' aumento della domanda, dai cambiamenti climatici, dalle speculazioni finanziarie.
L'impennata dei prezzi degli alimenti e la ricerca di materie prime per produrre biocarburanti hanno ''rilegittimato” fortemente il ruolo dell'agricoltura in una Europa che - ha sottolineato il Presidente della Coldiretti Sergio Marini - è un importatore netto di prodotti agricoli con una bilancia commerciale negativa di circa 6 miliardi di dollari e che negli ultimi anni ha visto ridurre numero di imprese agricole e il terreno coltivato.
Per Marini, la crisi alimentare non si risolve con i prezzi bassi all'origine per i produttori perche' questi non consentono all'agricoltura di sopravvivere e con la chiusura delle imprese destrutturano il sistema che non è piu' in grado di riprendersi anche in condizioni positive. La Politica Agricola - ha precisato Marini - deve saper mantenere il sistema produttivo europeo efficiente con un sistema diffuso di imprese sul territorio anche in condizioni difficili affinché possa essere efficace nel reagire alle sollecitazioni di un mercato che cambia rapidamente.
La situazione attuale conferma la validità della scelta fatta dall'Europa di riformare la Politica Agricola Comune per dare alle imprese la possibilità di rispondere in tempi rapidi alla domanda del mercato senza chiudere le porte alle importazioni dai paesi piu' poveri con L'Unione Europea che è il primo importatore di prodotti agricoli dai Paesi in Via di Sviluppo con un valore pari circa a quello di USA, Giappone, Canada ed Australia messi insieme ed in Europa arrivano l'85 per cento delle esportazioni agricole africane e il 45 per cento di quelle del Sud America. Una dimostrazione - ha sottolineato il presidente della Coldiretti - di come siano false le accuse di protezionismo per la politica agricola europea che ha affrontato tre profonde riforme negli ultimi dieci anni.
Senza politica agricola comune ci sarebbero meno produzione, piu' importazioni e prezzi piu' alti. Per questo occorre - ha continuato Marini - sostenere e qualificare la politica agricola comune per non aggravare il problema dell'approvvigionamento alimentare dell'Europa in un momento in cui molti paesi produttori stanno chiudendo le frontiere con limitazioni alle esportazioni e ripercussioni anche per l'Italia che importa quasi la metà del proprio fabbisogno in settori chiave come i cereali, la carne e il latte.
Il presidente della Coldiretti Sergio Marini ha espresso ''un giudizio positivo'' sulle proposte di revisione della politica agricola, il cosiddetto “stato di salute della Pac”, presentate dal Commissario Europeo all'agricoltura Mariann Fischer Boel che è intervenuta all'incontro insieme al vice presidente del Parlamento europeo Mario Mauro e al presidente della Commissione europea Antonio Tajani. Con l'abolizione dei sostegni alle terre non coltivate ci sarà la possibilità - ha sottolineato - di mettere a coltura fino a quasi 3 milioni di ettari in Europa dei quali duecentomila in Italia per una produzione aggiuntiva di oltre un milione di tonnellate di cereali, pari al 15 per cento in piu' della produzione attuale. Inoltre la flessibilità introdotta ha permesso una forte e pronta reazione del sistema produttivo come dimostra l'esperienza recente del grano in Italia dove all'aumento della domanda internazionale ha fatto seguito immediatamente una crescita delle semine del 18 per cento per il duro e del 14 per cento per il tenero.
Le novità proposte rappresentano una buona base di partenza su cui negoziare per cogliere le risorse che l'agricoltura europea può offrire di fronte all'emergenza cibo a livello globale. “I principi delle proposte sono coerenti rispetto all'esigenza di garantire una adeguata offerta di prodotti, la sicurezza alimentare e la tutela dell'ambiente - ha concluso Marini -. L'abolizione dei sostegni alle terre non coltivate (set aside) e il consolidamento della scelta di slegare il sostegno dal tipo di prodotto (disaccoppiamento) sono poi un importante passaggio per permettere alle imprese di confrontarsi senza mediazioni con il mercato e di orientare le produzioni in maniera rapida ed efficace dove la forbice tra domanda e offerta è piu' ampia e si fa piu' sentire la tensione sui prezzi”.
www.coldiretti.it


Numero di visite:  1460